Enogastronomia Salernitana

 

La Provincia di Salerno è disseminata di testimonianze, di reperti, che documentano le presenze della vite e l’eccellente qualità dei vini prodotti. Tecniche raffinate di coltivazione, di vinificazione e consumo sono il fiore all’occhiello dei vini salernitani. Il territorio Salernitano è in grado di offrire un ventaglio di prodotti ampio e ben articolato, fortemente differenziato e caratterizzato, in grado di soddisfare un mercato sempre più esigente. Oggi i vini a denominazione di origine controllata sono 3: il Cilento, il Castel San Lorenzo e il Costa d’Amalfi Doc; mentre a indicazione geografica tipica troviamo, il Colli di Salerno Igt

LISTA DEI PRINCIPALI VINI DELLA CITTA' DI SALERNO E PROVINCIA

Il Cilento Doc: i vitigni locali, introdotti ad Elea ed a Paestum dagli antichi colonizzatori greci,trovano nella natura argillosa-calcarea del terreno,nel clima della zona,le condizioni per esprimere al meglio la propria personalità.Le viti producono pochi grappoli, dai quali si ottengono vini di eccellente qualità, che si abbinano perfettamente alla cucina tipica cilentana.Il Cilento è prodotto nei tipi bianco,rosato e aglianico,vi è anche una varietà di rosso (aglianico, pè piedi rosso e primitivo)

Il Castel San Lorenzo Doc: l’area di produzione comprende otto comuni tutti in provincia di Salerno.La cantina sociale Val Calore ha da sempre vinificato le uve della zona, utilizzando tecniche e strutture enologiche di assoluta eccellenza,per la produzione di vini pregiati.Il Barbera,qui introdotto da molti decenni, viene invecchiato nel rovere, acquisendo struttura e personalità.Del tutto originale è il lambiccato, vino dolce ottenuto da cloni locali di uve moscato.Il Castel San Lorenzo è prodotto nei tipi bianco,rosso e rosato.

Costa d'Amalfi Doc: la zona di produzione individua 13 comuni, tutti in provincia di Salerno, caratterizzati da ambienti naturali di eccezionale bellezza e da arditi terrazzamenti, spesso a picco sul mare.I vini della Costa d’Amalfi sono di tre tipi : il Furore, il Ravello e il Tramonti,prodotti rispettive aree di coltivazione.I vini Costa d’Amalfi, bianco, rosso e rosato, ottenuti in vigneti siti nei comuni di Furore, Praiano, Conca dei Marini e Amalfi con produzioni non superiori a 90 quintali per ettaro, per il rosso e rosato,e 100 quintali per ettaro per il bianco, possono essere denominati Furore, se immessi al consumo con produzione alcolica non inferiore a 11% e 11,5% rispettivamente.I vini Ravello,Furore e Tramonti rosso,se invecchiati potranno riportare in etichetta la dicitura riserva. 

Il colli di Salerno Montevetrano Igt: nasce dalle colline salernitane floride e rigogliose che delineano un territorio ricco di storia e tradizioni legate alla buona tavola.E’ l’unica tipologia della provincia di Salerno che si fregia del marchio IGT indicazione geografica tipica della Comunità Europea, che individua coltivazioni caratterizzate da ambienti naturali a cui si applicano tecniche raffinate.Prodotto da viti di ottima qualità ben si sposa con i sapori tipici e tradizionali della cucina locale sottolineandone la bontà e il gusto.Vero punto di riferimento per i buongustai.

Borgomaestro Lunarossa Vini e Passione

Il colli di Salerno Borgomaestro Igt: Il borgomastro è vinificato con una lunga macerazione delle bucce da una selezione delle nostre uve migliori provenienti dalla zona pedecollinare a ridosso dei Monti Picentini. Lo eleviamo in botti in legno di rovere francese delle nostre terre, per donare soavità e carattere tradizionale ad un vino cui dedichiamo tutta l’attenzione dell’artigianato di Lunarossa Vini e Passione.

Borgomaestro Lunarossa Vini e Passione

Tresinus Fiano Igt Paestum: La cantina San Giovanni, situata sul monte Tresino a Castellabate, nasce nel 1999 grazie ai coniugi Ida e Mario. Oggi vengono prodotte diverse qualità di vino con marchio IGT Paestum